IL TUO GIRO GIUSTO

Vuoi creare un sito web professionale?

Sono tanti i blog che propongono una lista di suggerimenti su come creare un sito web… la verità è che tutto dipende da quali sono i tuoi obiettivi.

Non staremo quindi a fare una grande lista della spesa di cose da sapere per creare un sito web professionale. Semplicemente, con questo articolo, voglio trasmetterti che tipo di impostazione mentale adottare prima di entrare a gamba tesa sul web.

Diffidate da chi vi dice “creare un sito web professionale: 20 consigli su come fare!!!!!”

Per creare (o commissionare) un sito web efficace devi come prima cosa capire cosa vuol dire per te “efficace”.

Vuoi vendere? Vuoi rinforzare la tua immagine? Vuoi costruire una community? Vuoi fare informazione e guadagnare di pubblicità?

 

sito web professionale

Devi definire il tuo business online ma ATTENZIONE! non è detto che il tuo business online sia uguale a quello offline!

Ti faccio un esempio: Marco ha una piccola impresa con la quale fornisce servizi di trucco a personaggi influenti dello spettacolo. Attualmente Marco non ha un sito e ottiene la totalità dei clienti attraverso il passaparola. Marco non avrà bisogno di un sito eccessivamente “commerciale”, sul sito di Marco non troverete slogan come “hai bisogno di un truccatore professionista??? Contattami ora”. Sul sito di marco verrà mostrata la professionalità dei suoi lavori, verranno mostrati i suoi clienti di prestigio e cosa i suoi clienti dicono di lui. In questo modo Marco avrà un sito che attrarrà il cliente in modo “passivo”, portandolo al contatto e quindi alla conversione da semplice “visitatore” a “potenziale cliente”, attraverso degli input che trasmetteranno solidità e professionalità.

Spero che l’esempio sia stato chiaro, quello che volevo farti capire è che ci sono molte cose da considerare. Bisogna scegliere un obiettivo, un linguaggio e quindi il percorso logico da seguire nello sviluppo delle pagine del tuo sito.

Un sito web efficace fa sempre parte di una strategia di marketing pianificata nei minimi dettagli.

Ovviamente dovranno essere rispettate anche tutte le buone regole di ottimizzazione SEO di cui abbiamo già scritto qualcosa qui.

Ultimo passaggio è quello di affidarsi ad un web designer competente, ma questo sicuramente è il passaggio più ovvio.

 

Se questo articolo ti è piaciuto ti invitiamo a scoprire di più su di noi navigando sul sito 😉

Entra a far parte della nostra community di appassionati! 🙂 

 

sito web professionale

 

SEO Ecommerce Mobile

SEO Ecommerce Mobile, i siti web dei prossimi mesi dovranno essere pensati per Mobile?

SEO Ecommerce Mobile: arrivano notizie dal Search Marketing Connect, una serie di incontri di esperti SEO che analizzano la situazione attuale ed il futuro dei nostri tentativi di comparire in prima pagina sui motori di ricerca.

Cosa dovremo fare nel 2018 per stare al passo con l’algoritmo di Google?

 

1 – Ottimizzare il sito per mobile.

Sembra infatti che dal 2018 la velocità di caricamento e di risposta del sito su mobile diventerà un fattore MOLTO rilevante per ottenere un buon punteggio SEO.

2 – Il comportamento degli utenti sul mio sito

Sempre più importanza avranno i comportamenti della mia utenza online. Quanto restano sul sito, dopo quanto abbandonano, quante pagine guardano, quanti escono all’istante perché entrati per errore ecc ecc

3 – La sicurezza del sito web

Come tutelo i dati dei miei clienti all’interno del mio sito? Quale protocollo utilizza? Ebbene la sicurezza del sito web sarà FONDAMENTALE (ovviamente parliamo prevalentemente di siti web con database di dati) per avere un buon punteggio.

 

SEO Ecommerce Mobile

SEO Ecommerce Mobile

Abbiamo già parlato in precedenza dei recenti incrementi dei business di vendita online nel nostro paese. Il 2018 sarà l’anno della riconferma, l’Italia sarà al passo coi tempi? Lo scopriremo tra qualche mese, intanto sicuramente, se hai in mente di avviare un attività online dovresti sicuramente tenere conto del rakning SEO mentre progetti il tuo sito web.

Io stesso ho notato dai dati di affluenza al mio sito che, a differenza di sei mesi fa, i visitatori da mobile sono passati dal 30% al 60%. Il digitale evolve in fretta ed è essenziale stare al passo coi tempi.

Non è più sufficiente pensare ad un sito bellissimo per poi ottimizzarlo e renderlo responsive. 

Ora dovrai pianificare fin da subito il tuo sito su mobile.

Da quest’anno, dovrai agire al contrario. Prima pensare al mobile e poi alla versione desktop.

Se questo articolo ti è piaciuto ti invitiamo a scoprire di più su di noi navigando sul sito 😉

Entra a far parte della nostra community di appassionati! 🙂 

SEO Ecommerce Mobile

Il 2017 è stato un anno di crescita per quanto riguarda le vendite online.

Nell’anno appena passato il fatturato totale delle vendite online ha visto un incremento del 17% rispetto al 2016 raggiungendo i 23,7 miliardi di euro.

Molto interessante analizzare come, per il primo anno in Italia, la vendita di prodotti abbia di gran lunga superato quella dei servizi crescendo del 28% rispetto all’anno scorso. Quindi se prima la casalinga al massimo utilizzava internet per prenotare una vacanza, oggi la casalinga in questione sarà propensa anche ad acquistare vestiti o telefoni.

Non ho nominato invano TECNOLOGIA e ABBIGLIAMENTO.

I prodotti più in crescita del 2017 sono proprio quelli di natura informatica (+28%) e abbigliamento (+28%) per un totale complessivo di circa 6,5 miliardi di euro.

Ricordate che prima parlavamo anche di turismo? Questo perché il turismo si riconferma anche per il 2017 il prodotto di punta delle vendite online. Sarà anche causa della possibilità di acquistare biglietti per i trasporti online, ma il settore è in crescita del 7% arrivando ad un totale di 9,2 miliardi di euro.

vendite online

 

«Nel 2017 l’e-commerce mondiale è stato caratterizzato da diversi fatti particolarmente significativi – afferma Alessandro Perego, Direttore Scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano. – Tra questi ricordiamo le alleanze stipulate da alcuni grandi merchant e-commerce e operatori di differente natura (per sviluppare congiuntamente tecnologie o per espandersi commercialmente), l’affermazione di alcuni trend tecnologici (in primis assistenza vocale e chatbot) e la consacrazione delle principali ricorrenze e-commerce (Single Day, Black Friday e Cyber Monday). D’altro canto il 2017 è stato anche l’anno degli accesi dibattiti sugli effetti dell’online sul commercio tradizionale. Il successo di alcune iniziative e-commerce ha messo infatti a dura prova, in mercati più maturi dell’Italia, la sopravvivenza di alcune insegne della grande distribuzione tradizionale, tra cui quelle incapaci di progettare efficaci soluzioni ibride online – offline».
PRESENTAZIONE DELL’ OSSERVATORIO ECOMMERCE B2C – POLIMI / NETCOM

 

I DATI ISTAT SULL’UTILIZZO DEL WEB DI QUEST’ANNO SONO AVVILENTI.

(scarica qui il report Istat)

Nonostante l’evidente crescita rimaniamo comunque un paese tra i più “arretrati” nel mondo delle  vendite online e dell’utilizzo di internet. Da questo grafico (report Istat) possiamo infatti notare come l’italia sia posizionata ai posti più bassi della classifica, non solo per quanto riguarda gli acquisti ma anche in quanto la maggior parte delle aziende non ha ancora considerato l’idea di ampliare la propria rete di vendite online.

Se questo articolo ti è piaciuto ti invitiamo a scoprire di più su di noi navigando sul sito 😉

Entra a far parte della nostra community di appassionati! 🙂